Terremoto Etna: forte scossa due ore fa a Catania e Giarre.
Torna il terremoto forte a Catania dove alle 19.30 una scossa di 3,4 ha di nuovo gettato nel panico la popolazione. Terremoto Etna

I sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno registrato l’epicentro sull’Etna, nel Comune di Ragalna, tra la grotta degli Archi e monte Pecoraro, ad una profondità di soli due chilometri. Le cittadine più vicine all’epicentro sono Ragalna, Zafferana Etnea, Milo e Biancavilla.

La scossa delle 19.30 è stata la più forte registrata negli ultimi giorni dopo quella nella notte tra Natale e terremoto etnaSanto Stefano che ha provocato moltissimi danni, qualche decina di feriti e 600 sfollati, tra le frazioni di Fleri, Santa Maria la Scala e Pennisi. Terremoto Etna

Il terremoto torna prepotente e il suo ripetersi non promette niente di buono: l’adeguamento sismico chi lo ha fatto?Terremoto Etna

Le nostre case non sono sicure al 100% perché l’80% di tutto il patrimonio immobiliare italiano è stato realizzato negli anni ’70, quindi prima della normativa antisismica e, comunque, 50 anni fa. Sappiamo tutti che il cemento dopo mezzo secolo, come qualsiasi altro materiale, deperisce e non garantisce più i suoi benefici effetti.Terremoto Etna

Dunque, cosa fare? Ricostruirsi la casa nuova ieri?
L’unica soluzione è assicurare in maniera totale una parte della propria abitazione rendendola un bunker che protegge fino all’arrivo dei soccorsi. Terremoto Etna

terremoto etna

Particolare dell’imbragatura e del montaggio della tela di una Stanza Antisismica in fase di installazione

L’innovazione tecnologica e l’ingegno italiano hanno brevettato la STANZA ANTISISMICA, un guscio nel quale la famiglia si trova al sicuro qualsiasi cosa accada.Terremoto Etna
La Stanza Antisismica può affrontare un sisma di qualunque intensità, reggere il peso di 8 piani di macerie, può cadere e rocambolare ma garantisce la sopravvivenza e la salvezza di chi vi si trova dentro fino all’arrivo dei primi soccorritori.
Gli indici statistici dicono che quasi tutte le persone che hanno trovato la morte in un sisma sono state colpite durante la fuga: per questo la Stanza Antisismica è stata pensata per stare nell’abitazione.Terremoto Etna
E’ una camera qualunque, vista dai profani, ma è blindata in ogni sua parte, porta e finestre comprese ed è al contempo areata: referenze e caratteristiche sono consultabili direttamente sulla brochure oppure con un tecnico Madis Room.

Rischiare la vita propria e quella dei familiari è da scongiurare: il terremoto non si può prevedere ma si può PREVENIRE.

CATANIA, MADIS ROOM, 30 DICEMBRE 2018

Print Friendly
Posted on