La voce del terremoto” registrata per casualità da una cassetta di un ragazzo appassionato di musica. Vibrazioni, urla e panico totale sono stati registrati il 6 maggio 1976 quando il Friuli fu colpito da un terremoto spaventoso che causò 989 morti, 100 mila sfollati, 18 mila case distrutte e 76 mila danneggiate.

L’audio originale ha ripercorso fedelmente le onde del terremoto fino al termine della cassetta. In quei drammatici momenti una mamma chiama con tono disperato i propri bambini, c’è il pianto e la disperazione per i dispersi e per i morti.
A distanza di trentanove anni da quella tragedia esiste un brevetto internazionale in grado di metterti al sicuro assieme ai tuoi cari dal terremoto di media o alta intensità senza uscire di casa.

La Stanza Antisismica dopo un sisma di potenza massima capeggia indenne sulle macerie

La Stanza Antisismica dopo un sisma di potenza massima capeggia indenne sulle macerie

Che il sisma si verifichi di notte o di giorno nei secondi antecedenti alla fase distruttiva del terremoto c’è la possibilità di salvare tutta la tua famiglia. Durante una scossa, sebbene forte, c’è sempre tempo di muoversi e basterà semplicemente accedere nella Madis Room e salvarsi.
Assieme ai tuoi cari potrai aspettare in sicurezza l’arrivo di eventuali soccorsi, qualora ce ne fosse bisogno. Per vedere la reale potenzialità della Stanza Antisismica basta guardare il crash-test effettuato all’Aquila. La Madis Room regge fino a quattro piani di macerie di un qualunque palazzo crollato. Con la Stanza Antisismica “la voce del terremoto” è sicuramente differente e senza panico per ciò che accade fuori dalla tua abitazione.

Udine, 18 maggio 2015
Alessia per Madis Room – La Stanza Antisismica

Print Friendly
Posted on