Tre scosse superiori al 2 sono state registrate in poche ore dall’Ingv nella provincia dell’Aquila nelle prime ore del mattino. La prima scossa, di magnitudo 2.1, c’è stata alle 3.36 a una profondità di 9 chilometri, poi ne è seguita una di magnitudo 2.6 alle 5.19 a una profondità di 8 chilometri.

Il terzo terremoto, di magnitudo 2.3, è stato registrato alle 7.41 ad una profondità di 9 chilometri. Le zone interessate dal terremoto sono state i comuni di Pescocostanzo, Rivisondoli, Roccaraso e Rocca Pia.
Dopo l’ultima tragedia in ordine di tempo del 6 aprile 2009 che ha distrutto L’Aquila e le zone limitrofe fa sempre eco un terremoto nell’Aquilano.
Ci si è interrogati più volte su cosa sarebbe successo e quante vittime si sarebbero potute evitare se le abitazioni fossero state sicure.
Finalmente dopo l’invenzione della Stanza Antisismica anche nelle abitazioni meno sicure esiste un luogo che potrà salvarti la vita.

Antonio D'Intino assieme a un gruppo di persone in vista al prototipo di Stanza Antisismica, il primo realizzato dalla Madis

Antonio D’Intino assieme a un gruppo di persone in vista al prototipo di Stanza Antisismica, il primo realizzato dalla Madis

Il brevetto internazionale della Madis Room assicura infatti un nido sicuro dentro la tua casa, da raggiungere nella fase iniziale del terremoto prima che prenda il sopravvento la fase distruttiva.
All’occorrenza la Stanza Antisismica potrà diventare una panic room per proteggersi dai ladri e, in caso di incendi, avrà la caratteristica di stanza ignifuga grazie all’installazione di un’opzione specifica.
Tre caratteristiche importantissime che ti permetteranno di vivere senza pensieri con i tuoi cari con la consapevolezza di proteggere le vostre vite.

 

 

L’Aquila, 27 luglio 2015
Anna Per Madis Room – La Stanza Antisismica

Print Friendly
Posted on