È stata registrata nella notte una scossa di magnitudo 3.3 presso la Costa Calabra Occidentale, di fronte le coste della provincia di Cosenza. Il terremoto è stato molto profondo, con ipocentro fissato a 291 km di profondità. L’epicentro però è risultato più a nord rispetto alle scosse degli ultimi giorni che si sono verificate in zona. 

L’epicentro è stato rilevato entro i 20 km dai comuni di Belvedere Marittimo, Buonvicino, Diamante, Grisolia, Maierà, San Nicola Arcella, Santa Domenica Talao, Santa Maria del Cedro e Scalea. Non è stato segnalato nessun danno.
Un terremoto irrisorio rispetto alla scossa 6.8 registrata nelle Isole Salomone alle 9:48 locali (00:48 di ieri ora italiana) nella nazione insulare dell’Oceano Pacifico meridionale. Al momento sembra essere scongiurata l’allerta tsunami.

Nell'immagine è visibile la collocazione di una stanza antisismica all'interno di un condominio

Nell’immagine è visibile la collocazione di una stanza antisismica all’interno di un condominio

In ogni angolo della terra bisognerà sempre fare i conti con il terremoto, definito dagli esperti fisiologico. Dall’ideazione della Madis Room però si può finalmente convivere in serenità con il “mostro” che nell’arco della storia ha causato innumerevoli morti e feriti. Bisogna prevenire il ripetersi delle tragedie e si può finalmente farlo in modo rapido, economico, universale e del tutto indipendente. Basterà installare nella tua abitazione una Stanza Antisismica in grado di costituire un rifugio salvavita da terremoto, incendi e ladri.

Non bisogna più vivere nel panico con un logorio psico-fisico continuo legato all’insicurezza di salvare la propria vita dalla calamità naturale. La Madis Room gode delle detrazioni fiscali e il costo netto del cliente è di circa 8mila euro.
Il brevetto internazionale ha già avuto modo di essere apprezzato anche in Israele ed è destinato a costituire un ottimo sistema salvavita passivo per le zone più disparate del Mondo.

 
Cosenza, 22 maggio 2015
Lucia per Madis Room – La Stanza Antisismica

Print Friendly
Posted on