Torna l’ansia legata al terremoto in Abruzzo. Sarebbe infatti in atto a Pescocostanzo uno sciame sismico. Quattro scosse, la più forte di magnitudo 2, si sono verificate nel bacino di Sulmona, con epicentro Pescocostanzo a distanza di un giorno. Le prime tre scosse sono state avvertite solo dagli strumenti, mentre la quarta, di magnitudo 2 è stata registrata alle 14.01 di ieri. Il sisma è stato avvertito anche a Rivisondoli, Roccaraso e Rocca Pia.
Come sostenuto da Leonardo Nicolì, direttore del progetto di ricerca Tellus Iaresp “In ambito geofisico la zona di Sulmona desta una certa preoccupazione. In Abruzzo c’è una ripresa da diversi mesi che sta interessando in modo particolare il versante Nord del Gran Sasso su tutti e due i lati, e la parte più bassa del Bacino di Sulmona”.
È stato proprio lo sciame sismico che ha preceduto il terremoto del 6 aprile 2009 ad ispirare “il papà” della Madis Room Antonio D’Intino per il rivoluzionario brevetto.

La Stanza Antisismica dopo un sisma di potenza massima capeggia indenne sulle macerie

La Stanza Antisismica dopo un sisma di potenza massima capeggia indenne sulle macerie

Mai come in questi momenti in cui il terremoto si fa sentire spesso la Madis Room risulta utile.
È duplice infatti l’obiettivo del brevetto internazionale. Oltre a proteggere le persone che si rifugiano all’interno della Stanza Antisismica, permette a chi ne possiede una di vivere sereno e senza ansia per le scosse che verranno.
Non si conosce come, quando e dove ma è certo che la terra continuerà a tremare.

 

L’Aquila, 27 giugno 2015

Giulia Per Madis Room – La Stanza Antisismica

Print Friendly
Posted on