Alle 5,43 di questa mattina i sismografi dell’Ingv hanno rilevato una scossa di magnitudo 3.5 nelle zone di Forlì e Cesena. L’epicentro, a poca distanza della Rocca di Monte Poggiolo, è stato localizzato nella zona tra Faenza e Castrocaro. Tanta paura ma al momento non sono stati registrati danni provocati dal sisma che ha avuto una profondità di 9 chilometri. Si tratta della quarta scossa in sei giorni nella zona di magnitudo uguale o superiore a due.
Al boato che ha preceduto la scossa, ampiamente avvertita dalla popolazione, è seguito il sisma che ha fatto sobbalzare i letti dei piani alti delle abitazioni. Un risveglio pieno di paura per faentini e forlivesi che allarmati hanno postato numerosi messaggi del terremoto appena avvenuto sui social network scambiandosi informazioni sulla scossa.

Il taglio del nastro con il Sindaco di Faenza, a sx,  all'apertura al pubblico del prototipo nella piazza del Duomo il 23 gennaio 2015

Il taglio del nastro con il Sindaco di Faenza, a sx, all’apertura al pubblico del prototipo nella piazza del Duomo il 23 gennaio 2015

Proprio Faenza è stata la prima città ad esporre in pubblico il prototipo della Madis Room, in occasione di “La due giorni di prevenzione sismica”, organizzata in Piazza della Libertà dall’Istituzione Culturale “La Bendandiana”.
Il 24 e 25 gennaio scorso gruppi di sei persone hanno visitato il prototipo della Stanza Antisismica assistendo alla simulazione di un terremoto in casa e ricevendo direttamente informazioni dall’inventore del rivoluzionario brevetto Antonio D’Intino.
Un’esperienza che ha fatto toccare con mano la paura del sisma, ma anche la sicurezza che si ha all’interno della Madis Room, capace di resistere a quattro piani di macerie di un qualsiasi palazzo crollato.

 

 

Forlì, 24 agosto 2015
Orietta Per Madis Room

Print Friendly
Posted on