Da nord a sud passando per il centro. Certo è che in un Paese ad alto rischio sismico come l’Italia nessuna località è immune dal terremoto. Piccolo o grande che sia, ma comunque, come ampiamente sostenuto dagli esperti, fisiologico.

Basti pensare ai terremoti registrati dall’Ingv negli ultimi giorni. Nella serata di domenica tre le scosse di terremoto hanno interessato l’Aspromonte, una delle zone più sismiche d’Italia, rispettivamente di magnitudo 1.9, 3.5, 2.0. Nel pomeriggio di ieri nella provincia di Trento si è verificata una scossa 2.1 della scala Richter che ha interessato le Dolomiti. Soltanto qualche ora prima era tornato a tremare l’Abruzzo con una scossa di magnitudo 2 registrata nel distretto sismico dei Monti della Laga.

Un momento del crash test di L'Aquila del maggio 2014: la Stanza Antisismica campeggia sulle macerie, è riconoscibile dalle fasce beige che la avvolgono

Un momento del crash test di L’Aquila del maggio 2014: la Stanza Antisismica campeggia sulle macerie, è riconoscibile dalle fasce beige che la avvolgono

Eventi tellurici frequenti che, in un Paese normale, dovrebbero trovare la popolazione preparata sia dal punto di vista delle buone pratiche sulla prevenzione sia dal punto di vista della sicurezza degli edifici, pubblici e privati. Ma in Italia, non è un segreto, non si è affatto mai pronti per un terremoto. Basti vedere L’Aquila con la devastante scossa del 6 aprile 2009 che oltre a distruggere parte della città capoluogo ha causato 309 vittime. E oggi qualcosa è cambiato? Siamo davvero sicuri che nel nostro Paese memori del sisma aquilano ci si è preoccupati di mettere in sicurezza palazzi e abitazioni? Più si è vicini a un evento catastrofico più si parla di rivedere i criteri di costruzione, di mettere in sicurezza anche altre città, ma poi restano parole al vento, soprattutto per la carenza di fondi in un’Italia flagellata dalla crisi e costretta a rendere conto all’Europa. Con l’installazione di una semplice Stanza Antisismica si può ovviare al rischio terremoto e noi possiamo affermarlo con certezza. Grazie ad Antonio D’Intino, inventore del brevetto internazionale, è nato un sistema di prevenzione passiva che può far vivere senza pensieri tutta la famiglia.

Un cuore d’acciaio che ti salva la vita e dove puoi rifugiarti assieme ai tuoi cari durante una forte scossa e dove puoi aspettare al sicuro i soccorsi. Ancora in attesa delle agevolazioni, la Madis Room gode delle detrazioni fiscali. Si tratta di un intervento immediato che, in un’ottica di risparmio del suolo, interviene anche nel mercato delle ristrutturazioni. La Stanza Antisismica è anche antintrusione e resistente al fuoco.

 

 

 

Pescara, 28 ottobre 2014, Alessia – Madis Room

Print Friendly
Posted on