Una scossa di magnitudo 4.1 ha svegliato alle 2.16 Paola e Cosenza. Il forte terremoto, che ha interessato il Tirreno settentrionale a una profondità di 244 chilometri, è stato avvertito su tutta la costa. Anche ieri c’è stato un risveglio con il sisma in Italia. Un’altra scossa, stavolta di magnitudo 2.8, è stata avvertita tra il Forlivese e il Ravennate ad una profondità di 8 chilometri

Forlì, Faenza, Modigliana e Brisighella, vicino alla zona di Marzeno, sono state le zone interessate. La città di Faenza, che ha ospitato di recente il prototipo della Madis Room-La Stanza Antisismica, si è dimostrata una zona sensibile alle tematiche del terremoto e aperta alla prevenzione.

Prevenzione dal sisma che dovrebbe essere effettuata capillarmente su tutta la nazione in modo da creare una “mappa delle stanze salvavita”. L’utilizzo di Madis Room-La Stanza Antisismica porrebbe tutte le condizioni per salvare la vita di una quantità infinita di famiglie e di pianificare gli interventi dei soccorritori in favore delle vittime.

L’Italia è un paese fermo e lento a percepire le innovazioni, anche per la mancanza di fondi che non permetto di investire. Il sistema salvavita, inventato da un privato, deve essere allora acquistato dalle singole famiglie che provvederanno da sole alla serenità e alla sicurezza dal terremoto.

La conferenza stampa, da sx: Antonio D'Intino, il Sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi, Paola Logorio e Alessandro Martelli

La conferenza stampa, da sx: Antonio D’Intino, il Sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi, Paola Logorio e Alessandro Martelli

Cosenza, 16 ottobre 2015

Cristina per Madis Room – La Stanza Antisismica

Print Friendly
Posted on