Si può essere al sicuro in un edificio ristrutturato in centro storico? La risposta appare essere in parte stando ai dati resi noti dalla stampa qualche giorno fa dopo che Palazzo Visconti, edificio fortemente provato dal terremoto dell’Aquila del 6 aprile 2009, é stato restituito alla città.

Dopo l’intervento antisismico lo stesso imprenditore Francesco Laurini ha dichiarato. “L’edificio é al sicuro, siamo oltre il 60% di antisismicità, prima si era oltre al 20%”.

Antonio D'Intino, padre del brevetto Madis Room, durante il suo intervento al seminario del 30 ottobre 2014 all'Ance dell'Aquila

Antonio D’Intino, padre del brevetto Madis Room, durante il suo intervento al seminario del 30 ottobre 2014 all’Ance dell’Aquila

Una situazione che porta a pensare che l’intervento antisismico, seppur effettuato, non garantisce totalmente la sicurezza (basti vedere la percentuale) inserendosi come una “miglioria”.

Se nei centri storici, come nel caso di Palazzo Visconti, il massimo miglioramento sismico può arrivare oltre il 60% é palese che l’intervento non é sufficiente a salvare vite umane, indirizzando così nel corso di un’ipotetica scossa devastante le persone a fuggire in strada e quindi a mettersi a rischio di caduta di calcinacci e macerie che, come insegna lo stesso terremoto dell’Aquila, ha causato vittime e feriti.

Ancora una volta la Madis Room si configura come una soluzione complementare per rassicurare la vita delle persone, come sottolineato dall’inventore del brevetto nazionale e internazionale Antonio D’Intino nel convegno che si é tenuto all’Ance all’Aquila venerdì scorso.

La Stanza Antisimica, che ha già ottenuto le detrazioni fiscali ed é in attesa delle agevolazioni fiscali, oltre ad essere una stanza di protezione passiva dal terremoto é antintrusione e, installando l’opzione, resistente al fuoco.

Si inserisce come innovativa nel mercato delle ristrutturazioni e permette il risparmio del suolo. Al momento rappresenta l’unica arma di prevenzione dal terremoto. Si può installare nella camera dei bambini e permette a tutta la famiglia di vivere serena. Di giorno e di notte ci si può rifugiare all’inizio della scossa e si hanno alcuni secondi di tempo prima che il terremoto incominci a demolire l’abitazione. Mentre fuori crolla tutto la Stanza Antisismica, vero e proprio fortino d’acciao, tiene a riparo le persone che, al termine del sisma distruttivo, possono ricevere i primi soccorsi.

Le tregedie non bisogna aspettarle ma prevenirle e installando una Madis Room, a fronte di una spesa inferiore a diecimila euro, puoi mettere in salvo la tua famiglia.

 

Avezzano, 3 novembre 2014, Gioia -Madis Room

Print Friendly
Posted on