Non sfugge ad Irpinianews l’importanza e la portata della notizia relativa alla maratona di 5 giorni della “Giornata nazionale prevenzione sismica”che sarà presentata in conferenza stampa il 17 aprile dall’Ordine degli Ingegneri di Avellino. Ragionatamente mette in risalto l’importanza di presenze significative come quella del Presidente di Ance Avellino Giuseppe Scognamillo e del Consigliere Ance nazionale Antonio D’Intino, costruttore pescarese che dopo il sisma dell’Aquila ha inventato e brevettato la Stanza Antisismica.
Che l’Ordine abbia voluto provvedere insieme alla locale Dueffe Srl alla diffusione di una nuova consapevolezza di prevenzione sancisce un approccio scientifico nuovo, che va oltre i canoni tradizionali e approccia per primo il concetto di PREVENZIONE SISMICA DI TIPO PASSIVO.
Nei corsi con crediti formativi riservati ad ingegneri, architetti e geometri della Campania si parlerà anche di questo, cioè della nuova frontiera aperta dai sistemi passivi, sistemi che non insistono sulla capacità di resistenza degli edifici bensì sulle modalità testate per salvare la vita alla gente. Morire di terremoto nel III Millennio non è progresso e attendere l’adeguamento sismico di tutto il costruito in Italia significa lasciare la popolazione in balìa degli eventi sismici.
L’Articolo di Irpinianews risponde ad una esigenza di prevenzione che nella regione campana è quanto mai forte: la Campania, infatti, è segnalata tra le regioni a maggiore rischio d’Italia, insieme a Calabria e Sicilia. La determinazione e il ruolo dei giornalisti nella diffusione e divulgazione della conoscenza in ambito prevenzione sisma risponde ad una funzione di tipo sociale, alla quale la testata si è evidentemente sentita chiamata la testata .

 

Print Friendly
Posted on