Il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri dell’Aquila Elio Masciovecchio ha incontrato ieri 23 aprile ad Avellino 200 ingegneri campani per annunciare il GEMELLAGGIO TRA I DUE CAPOLUOGHI gravemente colpiti dagli storici terremoti del 1980 e del 2009.
Insieme al Presidente avellinese Antonio Fasulo ha presentato l’intesa finalizzata all’acquisizione delle buone pratiche per la Ricostruzione messe in atto da L’Aquila.

Dopo d'Intino, ilprimo da destra, il Presidente dell'ordine Ingegneri di L'Aquila Elio Mascioveccio e il Presidente dell'Ordine Ingegneri di Avellino Antonio Fasulo

Dopo d’Intino, ilprimo da destra, il Presidente dell’ordine Ingegneri di L’Aquila Elio Mascioveccio e il Presidente dell’Ordine Ingegneri di Avellino Antonio Fasulo

“I territori possono crescere dalla condivisione e dallo scambio di esperienze – ha detto Masciovecchio – perché solo dalla conoscenza possono generarsi nuova consapevolezza e quindi buone pratiche. L’esperienza aquilana deve essere un precedente del quale devono potersi avvalere tutti i territori a rischio sismico: l’Emilia lo ha capito subito all’indomani della sua tragedia”.
Il Gemellaggio è stato presentato nell’ambito della 2° tappa della Campagna Giornata nazionale della prevenzione sismica lanciata dall’Aquila su tutto il territorio nazionale lo scorso 4 aprile per iniziativa dell’Ordine provinciale degli Architetti e dell’Ufficio Scolastico regionale dell’Abruzzo.
Nella due giorni avellinesi di seminari cfp, di ieri e di oggi, si svolgono 2 sessioni sul sistema antisismico passivo “Madis Room – La Stanza Antisismica” che salva la vita dal terremoto con le lezioni tenute da Antonio d’Intino invitato a relazionare nel capoluogo irpino.

AGEA, Avellino 24 aprile 2015

Print Friendly
Posted on