Denominata “full scale” è durata tre giorni un’esercitazione che si è tenuta di recente nel Pinerolese e coinvolgendo 700 operatori fra soccorritori, forze dell’ordine, 118 e Protezione civile. C’è stato un terremoto di magnitudo 5.5, della stessa gravità di quello avvenuto nel 1808.

Come sostenuto dal direttore dell’Ufficio Gestione delle emergenze del Dipartimento nazionale della Protezione civile Titti Postiglione. “l’esercitazione in Piemonte è un momento importante, poiché serve per testare realmente procedure e attivazioni che, in un’emergenza reale, risultano fondamentali per l’efficienza complessiva della risposta del sistema”.

In Italia purtroppo si continua a ragionare soltanto sull’emergenza e non con la prospettiva della prevenzione. Investire nella prevenzione oggi significa risparmiare in termini di risorse e vite umane domani.

Lo scheletro della Stanza Antisismica: i dettagli al bottone brevetto nella barra di home page di questo sito

Lo scheletro della Stanza Antisismica: i dettagli al bottone brevetto nella barra di home page di questo sito

Con l’installazione di una Madis Room nelle abitazioni private e negli edifici pubblici si possono garantire ai cittadini sicurezza e protezione dal terremoto.

Il brevetto internazionale è nato dopo la tragedia dell’Aquila del 6 aprile 2009, per evitare il ripetersi dell’agonia degli aquilani nel corso dello sciame sismico che ha preceduto la scossa distruttiva e le numerose vittime.

Una volta messe al sicuro tutte le città italiane si potrebbe tracciare una mappa della sicurezza dove evidenziare le abitazioni dotate di una Madis Room e in caso di emergenza organizzare al meglio gli interventi che sarebbero mirati e veloci.

Le potenzialità della Madis Room-Stanza Antisismica possono essere testate guardando uno dei crash-test effettuati a L’Aquila e Pescara.

Torino, 23 giugno 2016
Ilaria per Madis Room – La Stanza Antisismica

 

Print Friendly
Posted on