È Antonio D’Intino, ideatore della rivoluzionaria Madis Room, il nuovo presidente del Consorzio “I.S.E.A. Innovazione Sviluppo Edilizia Ambiente”. L’ISEA, sin dai primi anni di attività, ha promosso la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale legato all’edilizia, in tutte le molteplici sfaccettature, anche per supportare le scelte politiche di coloro che disegnano ed attuano le politiche del recupero e del restauro.

Eletto il 21 maggio 2015, D’Intino opererà assieme al consiglio di amministrazione per il prossimo triennio. «La Regione Abruzzo, con Delibera di Giunta n.270 del 11.04.15 – allegata- ha designato il dott. Maurizio Grassi, il Formedil Pescara, con nota – allegata del 10 febbraio 2015 ha designato il geom. P. Antonio D’Intino, l’Ance Abruzzo, con nota – allegata – del 11.02.15 ha designato l’arch. Enrico Ricci», si legge in merito alla nomina del consiglio di amministrazione.d'intino telecamera RIDOTTA
D’Intino succede al presidente Cingoli che, tra le altre cose, ha sottolineato nella riunione che ha segnato il passaggio di consegne che “Negli ultimi anni, l’Isea, su incarico della Regione Abruzzo, ha realizzato il Nuovo Prezzario delle Opere Pubbliche, ad oggi considerato il più avanzato a livello nazionale ed esempio di eccellenza nel settore”.
Nel discorso di insediamento D’Intino ha prospettato alcuni temi di interesse oltre la cura del progetto in corso del nuovo prezzario nelle fasi di aggiornamento ed implementazione.
Il Consorzio Isea inoltre aderirà al progetto pilota – promosso ed attuato dal Polo di Innovazione Abruzzo Innovazione e Turismo – consistente in un programma per la definizione di linee guida, modelli e strumenti replicabili finalizzati a diffondere modelli innovativi di rigenerazione territoriale e urbana utilizzando gli strumenti 2020 per lo sviluppo del turismo. Obiettivi che si uniscono alla sua “battaglia” sulla prevenzione sismica, che l’ha visto primeggiare con l’innovativo brevetto della Stanza Antisismica, al momento l’unico sistema di protezione passiva dal terremoto.

Print Friendly
Posted on